Sommario

  • 20/02/2017 08:43 Pd. Renzi non cede, al via l'iter congressuale. La Minoranza: "Ha scelto la scissione" - Rai News
  • 20/02/2017 08:16 Roma-Torino, top & flop: Salah graffia, Paredes c'è - Corriere dello Sport.it
  • 20/02/2017 08:02 Trump e l'attentato in Svezia: "L'ho visto sulla Fox". E caccia funzionario che lo aveva criticato - Rai News
  • 20/02/2017 07:24 False ditte per assumere clandestini Undici arresti della polizia a Monza - Corriere della Sera
  • 19/02/2017 19:12 Auto: addio carta circolazione e certificato proprietà. Arriva il documento unico - La Repubblica
  • 20/02/2017 09:16 Terremoto oggi Abruzzo 20 febbraio 2017, scossa M. 4,0 in provincia dell'Aquila – Dati Ingv ora - Centro Meteo Italiano
  • 20/02/2017 09:05 Ue, rivoluzione a Bruxelles: il presidente Juncker pronto a dimettersi - La Repubblica
  • 20/02/2017 08:14 Edicola: Genoa, Mandorlini è il nuovo allenatore. La Juventus multa Bonucci - Eurosport.it
  • 20/02/2017 08:35 Gabigol inizia a fare la storia, allunga il sogno Champions - il Giornale
  • 19/02/2017 17:58 Quagliarella commosso: "Arrestato il mio stalker, è la fine di un incubo" - La Gazzetta dello Sport
lunedì 20 febbraio 2017

20 Febbraio

Scrive il maestro Corrado Trotter, in "Primiero, nei suoi costumi, tradizioni e leggende".

"Anticamente i Primierotti non praticarono il commercio del legname, forse perché non erano in grado o non possedevano il capitale sufficiente; in genere erano ditte venete che lo appaltavano.

Col passare dei secoli, alcuni venuti da fuori, si stabilirono in Valle e si arricchirono.

Alla nostra gente erano riservate le fatiche e le loro conseguenze, forse qualcuno pratico dei boschi, etc.

Diventò sanser ovvero sensale, ma senza ricavarne gran che, il proverbio stesso lo dice: sanser de legnam - tant bordel e poc guadagn = sensale del legname, tanta fatica e grattacapi ma poco guadagno.

Dopo un periodo iniziale imprecisabile in cui il legname, per il trasporto, veniva esclusivamente fluitato, data la forza motrice facilmente reperibile nei numerosi torrenti delle nostre montagne, una sia pur piccola quantità venne lavorato, cioè segato, in Valle.

Ciò avvenne ancora molti secoli fa, senza dubbio ancor prima della data degli ormai noti statuti della comunità, i quali confermano l'esistenza di qualche rudimentale segheria.

Infatti nella rubrica 20° del libro III, essi contemplano: "del modo di siegar legnami" ordinando che i proprietari si segherie esistenti o future, siino tenuti, et obbligati siegar a prezzo de due dinari per pezzo di breghe, con buona fede, e senza frode; se però l'asse fosse stata d'un buon piede, la segagione poteva salire a tre denari.

La pena per chi segava male o contravveniva al prezzo doveva essere pagata al comune".

 

19 Febbraio 21 Febbraio