Sommario

  • 20/02/2017 01:48 Pd, tutti colpevoli in una scissione senza valori - La Repubblica
  • 20/02/2017 08:16 Roma-Torino, top & flop: Salah graffia, Paredes c'è - Corriere dello Sport.it
  • 20/02/2017 08:02 Trump e l'attentato in Svezia: "L'ho visto sulla Fox". E caccia funzionario che lo aveva criticato - Rai News
  • 19/02/2017 19:12 Auto: addio carta circolazione e certificato proprietà. Arriva il documento unico - La Repubblica
  • 20/02/2017 09:16 Terremoto oggi Abruzzo 20 febbraio 2017, scossa M. 4,0 in provincia dell'Aquila – Dati Ingv ora - Centro Meteo Italiano
  • 20/02/2017 09:05 Ue, rivoluzione a Bruxelles: il presidente Juncker pronto a dimettersi - La Repubblica
  • 20/02/2017 08:14 Edicola: Genoa, Mandorlini è il nuovo allenatore. La Juventus multa Bonucci - Eurosport.it
  • 20/02/2017 07:24 False ditte per assumere clandestini Undici arresti della polizia a Monza - Corriere della Sera
  • 20/02/2017 08:35 Gabigol inizia a fare la storia, allunga il sogno Champions - il Giornale
  • 20/02/2017 09:36 Quagliarella fuori dall'incubo: Condannato l'ex poliziotto stalker «Per colpa sua il Napoli mi cacciò» - Corriere del Mezzogiorno
lunedì 20 febbraio 2017
-

Nuovo allarme lanciato dalla Polizia di Stato contro le truffe telefoniche. Questa volta, però, c’è una novità, ovvero il numero che viene visualizzato sul proprio cellulare non ha un prefisso straniero che lo rende immediatamente ‘riconoscibile’ ma ha un normale ’02’, riconducibile dunque al prefisso di Milano.

“Facciamo un po d’ chiarezza sulle truffe telefoniche con i numeri a valore aggiunto – si legge sul profilo Facebook della Polizia ‘Una vita da Social’ – I numeri in questione utilizzano prefissi italiani. Rispondere NON fa scattare l’addebito – a differenza di quanto segnalato su alcuni siti”.

“L’utente comincia a pagare SE richiama il numero. Cosa che si è tentati di fare perché il numero sembra “normale”. Nella circostanza però la comunicazione cade subito – spiegano dalla Polizia – In particolare le vittime più colpite sono gli anziani che ricevono incessantemente queste chiamate sulle utenze fisse e mobili e, pensando di aver perso una chiamata importante, richiamano questi numeri”.

“Un’altra importante cosa da fare, è contattare il proprio gestore telefonico e chiedere la rimozione dei servizi a pagamento non richiesti (è sufficiente chiamare al numero di assistenza e palrare con un operatore, ndr) ed apporre il blocco futuro. I numeri possono essere bloccati inserendoli nella funzione blacklist del proprio telefono (se ne è dotato). Purtroppo il prefisso non corrisponde alla zona geografica di riferimento ma sono chiamate che provengono per lo più dall’estero”.